In questi giorni a cavallo tra la fine dell’estate e i primi di settembre, mi è successo in più occasioni di sentire alcune mie clienti lamentarsi delle vacanze già finite (in alcuni casi mai iniziate) e della fatica a ritornare ai ritmi consueti.

Devo dire che questo problema, in forma leggera, l’ho vissuto e lo vivo anche io in alcune occasioni.

Indagando ho scoperto che, a questo insieme di disturbi post vacanze, è stato dato il nome di sindrome da rientro.

La sindrome da rientro è quella condizione di malessere/stress più o meno intenso che ci coglie alla fine dell’estate quando, rientrate dalle vacanze (dove ci siamo rilassate e prese un po’ di tempo per noi), ci ritroviamo di punto in bianco alle prese con:

  • il lavoro che riparte
  • Impegni che avevamo messo in stand by e che dobbiamo riprendere in mano
  • la riapertura delle scuole e la ripartenza delle attività dei nostri figli
  • Il clima che si fa più freddo e piovoso
  • le giornate che si accorciano e c’è meno luce

Questo mix di situazioni, assieme magari a caratteristiche peculiari del nostro carattere, ci porta ad avere uno o più sintomi di questa sindrome.

 

Quali sono i sintomi della sindrome da rientro?

 

I principali sono: ansia, stress, nervosismo e irritabilità, dolori muscolari, insonnia, problemi intestinali, tristezza.

Ho scoperto che le persone che in un modo o nell’altro subiscono questa condizione non sono poche.

Dati Istat rilevano che lo stress da rientro riguarderebbe un italiano su 10.

“Secondo lo psichiatra Claudio Mencacci, past president della Società Italiana di Psichiatria, in Italia la sindrome da rientro colpisce circa il 35% della popolazione, con maggior incidenza tra i 25 e i 45 anni” (fonte Ultima Voce).

 

Come affrontare e combattere lo stress da rientro?

 

Dalla mia personale esperienza le regole da seguire sono tre:

  1. Gradualità. Ripartiamo con calma, cercando di fare poche cose alla volta e ascoltandoci così da non sovraccaricarci subito appena tornate. Magari, se possibile, tra il rientro dalle vacanze e il ritorno all’attività lavorativa, lasciamo un cuscino 2/3 giorni.
  2. Stare all’aria aperta. In vacanza una delle cose che in genere facciamo di più è stare più fuori di casa. Andiamo al mare o a fare passeggiate, stiamo con gli amici. Ecco lasciamoci degli spazi per questo tipo di attività.
  3. Dedica del tempo alla cura di te stessa, prendendoti degli spazi per fare quelle attività che ti fanno stare bene e che ti lasciano di buon umore (un bagno rilassante, una passeggiata, un massaggio)

Come titolare di un centro estetico ho pensato a cosa potevo darti per permetterti di stare bene e prolungare i benefici delle vacanze anche adesso che sei rientrata.

Ho pensato così a qualcosa che oltre ad essere una coccola, un generatore di benessere e buon umore, ti permettesse di prenderti cura di te e del tuo aspetto estetico.

Così è nato un mini programma che ho voluto chiamare JOY&WELLNESS ovvero Gioia e Benessere proprio perché questo è quello che è il suo obiettivo: donarti ore di gioia e di benessere soprattutto ora che molto probabilmente, anche tu, sei un po’ più sotto stress.

Se vuoi scoprirne di più ti invito a cliccare sul link qui sotto:

https://tinyurl.com/y6ja5gox

A presto!

Federica Chiesi

Consulente estetica 

Jasmine Beauty Clinic

 

JBC Jasmine Beauty Clinic è un centro estetico con sede a Montecchio Emilia, a pochi minuti di strada da Reggio Emilia e Parma.